Come scegliere un regolatore di pressione

Il regolatore di pressione, o limitatore di pressione, è un dispositivo che viene installato nei sistemi idraulici o pneumatici per limitare la pressione del fluido e proteggere i componenti a valle, come tubi, valvole, ugelli e serbatoi. Una pressione eccessiva può causare perdite, usura prematura o addirittura la distruzione dei componenti del sistema idraulico o pneumatico. I regolatori di pressione, inoltre, sono necessari nei processi che richiedono una pressione costante. I modelli più comuni sono i regolatori di pressione a membrana.

Regolatore di pressione: vedi i prodotti

  • Perché installare un regolatore di pressione?

    Il regolatore di pressione protegge i componenti dei sistemi pneumatici. Questi sono azionati dall’aria compressa, la cui pressione massima dipende dal compressore che la genera. Tutti i componenti di un circuito pneumatico (valvole, filtri, ecc.) hanno un limite massimo di pressione che sono in grado di sopportare. La funzione del regolatore è quindi quella di controllare la pressione nel circuito d’aria compressa per proteggere ogni componente e quindi l’intero sistema.

    Oltre a proteggere l’intero sistema, il regolatore di pressione serve anche a:

    • Proteggere i prodotti, in particolare quelli soggetti all’azione dei cilindri pneumatici: i cilindri sono progettati per esercitare una data pressione, chiamata pressione teorica. Se la pressione teorica viene superata, i cilindri applicano forze eccessive, che possono portare a errori nel processo di fabbricazione e compromettere la qualità del prodotto finale. Il regolatore serve dunque a limitare la pressione ed evitare questo tipo di rischio.
    • Controllare i processi: alcune applicazioni richiedono una pressione costante. Negli erogatori a spruzzo, per esempio, è necessario installare un regolatore di pressione per garantire che la pressione dell’aria compressa rimanga stabile.
  • Come funzionano i regolatori di pressione a membrana?

    Regolatore di pressione CAMOZZI

    Regolatore di pressione CAMOZZI

    I regolatori di pressione più comuni sono i regolatori di pressione a membrana, o regolatori di pressione a diaframma.

    Il regolatore di pressione a membrana è composto essenzialmente da una vite, una molla, una valvola e una membrana. Il suo principio di funzionamento si basa sull’equilibrio tra le forze che agiscono su entrambi i lati del diaframma: da un lato, la forza esercitata dalla molla compressa dalla vite e, dall’altro, la pressione del fluido in uscita. Le leggere variazioni della pressione in uscita vengono corrette immediatamente dal regolatore. Quando la pressione in uscita scende, l’equilibrio tra le due forze che agiscono sulla membrana si rompe. Se la forza della molla supera la forza esercitata dalla pressione del fluido, la valvola si apre, la pressione in uscita aumenta e l’equilibrio tra forze viene ristabilito. Se invece la pressione in uscita aumenta, la forza esercitata dal fluido contro la membrana comprime la molla e chiude la valvola, riducendo così la pressione.

    Con questo tipo di regolatore, le fluttuazioni della pressione in entrata non hanno alcun effetto sulla pressione in uscita.

  • Regolatore di pressione: quale scegliere

    A differenza del riduttore di pressione, che si limita a ridurre la pressione in uscita di un fluido, il regolatore di pressione è in grado di compensarla e stabilizzarla. A seconda della pressione nel sistema, quindi, può essere necessario installare, oltre al regolatore, anche un riduttore di pressione.

    • Qualora ciò si avveri necessario, dovremo per prima cosa scegliere un riduttore adatto alla pressione di entrata e di uscita del fluido. Per ridurre la pressione, non dovremo far altro che regolare la tensione della molla girando, a seconda del modello, la vite o la rotella. Fatto ciò, potremo installare il regolatore e procedere alla regolazione della pressione nel circuito.
    • Un altro criterio fondamentale nella scelta di un regolatore di pressione è la portata. I regolatori hanno una portata specifica, indicata dal produttore nelle specifiche tecniche del prodotto.
    • Il diametro della connessione di entrata e di uscita, per finire, è un’altra caratteristica da prendere in considerazione nella scelta di un regolatore di pressione.

    Ricordiamo anche che i regolatori di pressione, sebbene possano essere regolati, generalmente sono venduti pre-impostati. Esistono inoltre opzioni ed accessori che possono essere aggiunti al dispositivo:

    • un manometro, per una misurazione più precisa della pressione (i risultati sono visualizzati in bar e/o psi)
    • l’opzione della facilità di regolazione
  • Dove si usano i regolatori di pressione?

    I regolatori di pressione trovano impiego nella maggior parte delle macchine il cui funzionamento dipende da un fluido. Vengono usati nell’industria (nei circuiti ad aria compressa, d’acqua e nei sistemi idraulici), ma anche negli elettrodomestici (lavastoviglie e lavatrici), negli apparecchi di raffreddamento e riscaldamento (condizionatori, frigoriferi e caldaie), così come in qualsiasi veicolo, dove servono a regolare la pressione dei freni e del carburante.

    I regolatori di pressione sono quindi utilizzati in una grande varietà di settori e sono essenziali per il buon funzionamento di numerose apparecchiature. Essendo poco costosi, la loro sostituzione non è onerosa. Un guasto nel loro funzionamento, tuttavia, può causare danni significativi ad altre attrezzature e componenti del sistema. Per questa ragione, è consigliabile controllare regolarmente lo stato dei regolatori di pressione.

Guide correlate
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...
Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *