Come scegliere un ventilatore?

Un ventilatore è una turbomacchina che muove l’aria o un altro fluido comprimibile, come il gas, trasferendogli energia meccanica. I ventilatori trovano impiego principalmente nel settore HVAC, più precisamente negli impianti di ventilazione e condizionamento d’aria, e servono quindi a rinnovare l’aria in edifici e locali nonché a rimuovere esalazioni nocive (fumo, odori, vapori, ecc.). I ventilatori di piccole dimensioni, comunemente chiamati ventole, trovano solitamente impiego nel raffreddamento dei dispositivi elettronici

Queste macchine si suddividono in due categorie fondamentali, ossia in ventilatori elicoidali e ventilatori centrifughi
Per scegliere il ventilatore più adatto alle vostre esigenze dovrete prendere in considerazione due fattori principali: le sue prestazioni e la sua rumorosità.

Ventilatori: consultare i prodotti

Come scegliere un ventilatore industriale?

Ventilatore della marca Elektror airsystems
Ventilatore della marca Elektror airsystems

ventilatori industriali  trovano impiego in un’ampia gamma di applicazioni e possono essere suddivisi in diverse categorie:
– ventilatori da incasso
– ventilatori canalizzabili
– ventilatori portatili
– ventilatori per armadi elettrici, ecc.

Prima di procedere all’acquisto, dovrete identificare il tipo di ventilatore di cui avete bisogno.

In termini di tecnologia, la scelta è generalmente tra ventilatori assiali e centrifughi. Semplificando, possiamo dire che i ventilatori assiali forniscono un’elevata portata ma un incremento di pressione ridotto e che sono riservati ad applicazioni con basse perdite di carico (circuiti brevi), mentre i ventilatori centrifughi sono più adatti ad applicazioni con perdite di carico maggiori, e quindi a circuiti più lunghi. I ventilatori assiali sono anche più compatti e rumorosi dei modelli centrifughi equivalenti.

Un ventilatore deve essere in grado di fornire un determinato volume di aria (o gas) ad una determinata pressione. In linea generale, la portata indicata dal produttore è sufficiente per dimensionare il ventilatore da acquistare. Tuttavia, quando il ventilatore è collegato ad un circuito (rete di ventilazione, alimentazione in aria di un bruciatore, ecc.), il suo dimensionamento diventa più complicato. Infatti, oltre che dipendere dalle caratteristiche del ventilatore stesso, la sua portata dipenderà anche dalle perdite di carico del circuito a cui il ventilatore è collegato. Si tratta del principio del punto di funzionamento: se tracciamo la curva portata-pressione del ventilatore e la curva portata-pressione del circuito, il punto di funzionamento del ventilatore in questo circuito corrisponderà all’intersezione tra le due curve.

La stragrande maggioranza dei ventilatori soffia aria a temperatura ambiente, ma esistono modelli che, se necessario, possono funzionare in condizioni ambientali e a temperature specifiche. È il caso, ad esempio, dei ventilatori per forni. Per questa stessa ragione è importante scegliere un modello che sia adatto alla propria applicazione.

Perché scegliere un ventilatore elicoidale?

Ventilatore assiale della marca NEU AIR MOVING TECHNOLOGIES
Ventilatore assiale della marca NEU AIR MOVING TECHNOLOGIES

I ventilatori elicoidali, o assiali, sono costituiti da un’elica azionata da un motore. La rotazione dell’elica genera un flusso d’aria che si muove nella stessa direzione dell’asse di rotazione.

I ventilatori assiali sono in grado di fornire portate elevate ma con un aumento di pressione limitato tra ingresso e uscita. Proprio per questo motivo il loro utilizzo è limitato ai circuiti corti, che hanno basse perdite di carico. Questa tecnologia, ad esempio, è quella che sfruttano i ventilatori ad incasso, che soffiano l’aria direttamente nel locale da ventilare.

Nella maggioranza dei casi i ventilatori assiali possiedono un numero di pale compreso tra 2 e 60. In termini di rendimento, invece, la loro efficienza è compresa tra il 40 e il 90%.

I ventilatori assiali si presentano spesso come ventilatori ad incasso o con montaggio a canale e vengono utilizzati per assicurare il ricircolo dell’aria in ambienti di grandi dimensioni.

Rispetto ai ventilatori centrifughi, i ventilatori elicoidali sono meno ingombranti e costosi, ma più rumorosi.

Vantaggi:

  • elevata portata d’aria
  • semplicità strutturale
  • costo inferiore e minore ingombro rispetto ai ventilatori centrifughi

Perché scegliere un ventilatore centrifugo?

Ventilatore radiale della marca ECOFIT
Ventilatore radiale della marca ECOFIT

I ventilatori centrifughi, o radiali, sono costituiti da una ruota a pale, detta girante, da un motore e da uno statore che protegge il motore e accompagna la ruota. Lo statore in questione ha due aperture: per effetto del vuoto che viene a crearsi, il fluido viene aspirato tramite la prima apertura, raggiunge la parte centrale della girante e viene poi espulso verso l’esterno o la periferia del circuito attraverso la seconda apertura.

I ventilatori centrifughi possono essere suddivisi in due categorie principali: i ventilatori le cui pale sono inclinate in avanti e i ventilatori a pale rovesce. I ventilatori a pale avanti hanno una ruota detta “a gabbia di scoiattolo”, un numero di pale che può andare da 32 a 42 unità e un’efficienza compresa tra il 60% e il 70%. I ventilatori a pale rovesce, invece, hanno un’efficienza dal 75 all’85% e un numero di pale che può variare da 6 a 16.

I ventilatori radiali sono più adatti per i circuiti lunghi perché, rispetto ai ventilatori assiali, generano un incremento di pressione maggiore. Inoltre, rispetto a questi ultimi, sono anche meno rumorosi.

Questi modelli, però, si distinguono anche per un costo e un ingombro maggiori.

Vantaggi:

  • portata medio-alta
  • alta pressione
  • adatto per circuiti lunghi
  • più silenzioso di un ventilatore elicoidale

Quale tipo di ventilatore è il più adatto per un armadio elettrico?

Ventilatore della marca SANYO DENKI
Ventilatore della marca SANYO DENKI

I ventilatori per apparecchiature elettroniche sono ventilatori compatti e chiusi ed hanno dimensioni standard. La loro tensione di alimentazione (AC o DC) dovrà essere compatibile con quella delle apparecchiature elettriche presenti nell’armadio.

Questi ventilatori vengono utilizzati per evacuare il calore prodotto dai componenti elettronici all’interno di un alloggiamento. Un ventilatore da usarsi a questo scopo verrà scelto in base ai seguenti criteri:

  • la portata d’aria che è in grado di fornire
  • le sue dimensioni
  • la sua tensione di alimentazione

La maggior parte delle ventole per apparecchiature elettroniche sono di tipo elicoidale per motivi di compattezza, ma esistono sul mercato modelli a flusso centrifugo e diagonale che possono fornire una portata maggiore.

Come scegliere un ventilatore per un armadio elettrico?

Ventola per armadio elettrico della marca Lohmeier Schaltschrank Systeme
Ventola per armadio elettrico della marca Lohmeier Schaltschrank Systeme

I ventilatori per armadi elettrici consentono di immettere aria fresca all’interno di tali armadi al fine di regolare la temperatura delle apparecchiature elettroniche in essi contenute. Creando un leggero incremento di pressione, i ventilatori adibiti a questo scopo impediscono inoltre alla polvere di penetrare all’interno dell’armadio.

In linea generale, i ventilatori per armadi elettrici vengono installati all’interno di una griglia di ventilazione direttamente sulla porta o sulle pareti laterali dell’armadio. Tuttavia, esistono anche modelli da installa all’esterno, sopra l’armadio, e dotati di un filtro che evita che la polvere entri.

Questo tipo di ventilatore viene selezionato in base ai seguenti criteri:

  • la portata d’aria fornita
  • la tensione di alimentazione del motore che è alimentato dall’armadio elettrico
  • l’efficienza del filtro